Wimbledon, Medvedev: “Volevo dimostrare a Sinner che sarò sempre lì a combattere”

0
6

Daniil Medvedev approda in semifinale a Wimbledon, grazie alla battaglia odierna contro Jannik Sinner, conquistata al quinto set. L’azzurro ha avuto dei grossi rallentamenti dovuti a forti giramenti di testa nel corso del match e il russo è stato scaltro ad approfittare delle condizioni non impeccabili del numero 1 al mondo, rendendosi protagonista di una prestazione eccellente, problemi di Sinner a parte. Carlos Alcaraz lo attende in semifinale, dopo aver superato ai quarti Tommy Paul. Sarà l’ennesimo scontro all’ultimo sangue tra i due. Ecco le dichiarazioni rilasciate da Medvedev ai in conferenza stampa dopo il match con Sinner:

D. Ho notato che oggi sei stato più vicino alla linea di fondo rispetto a quanto ti ho visto fare in alcuni match sull’erba in passato. Si tratta di una tattica specifica contro Jannik o di qualcosa che cerchi di fare in generale sull’erba?

Daniil Medvedev: “Credo che sia qualcosa, soprattutto a Wimbledon. Anche ad Halle ci ho provato, ma è un po’ più difficile perché ci sono molti cattivi rimbalzi. Si tratta di tattica. Ad esempio, quando si gioca contro Struff, quando serve a 230, stare vicino alla linea di fondo forse non è la tattica migliore. Dipende dalla tattica. Con la mia tecnica c’è un limite: non posso stare sulla linea di fondo. Devo comunque darmi spazio. Oggi molte cose tattiche hanno funzionato bene. E poi, ancora una volta, si tratta di quello che ho detto prima della partita: il servizio è importante. Molti set sono stati decisi dal servizio. Sì, quindi si trattava di qualcosa che riguardava più l’erba in sé e che avevamo preparato anche per Jannik”.

D. Hai vinto il terzo set dove lui avuto dei set point. Come spieghi questa situazione?

Daniil Medvedev: “Per me questo è il tennis allo stato puro, gioco puro. Sento che il primo set avrei dovuto o potuto vincerlo. Se avessi servito un ace sul 6-5, se avessi servito più vicino alla linea. Nel terzo set, ricordo sicuramente il passaggio quando ho colpito. Era un colpo facile. Lui è rimasto lì. Ho pensato: “Sono nei guai”. “L’ha mancato”. Ok, ci riproviamo.  Il tennis è questo. Agli Australian Open credo di aver avuto un break point nel quarto set.  Se non sbaglio, ha fatto un ace. Se fa doppio fallo, forse ho vinto gli Australian Open. Non si sa mai. Ecco perché la gente ama il tennis. Ecco perché la gente impazzisce guardando il tennis. Ecco perché noi tennisti a volte impazziamo giocando a tennis”.

D. Quanto hai pensato alla finale degli Australian Open prima di questa partita e anche durante la partita?

Daniil Medvedev: “Onestamente, più che altro dal punto di vista tattico, perché mi sembrava che all’Australian Open avessi fatto molte cose buone da questo punto di vista. Non sono riuscita ad arrivare alla fine, ma sentivo che stavo giocando bene. Ho provato a farlo anche a Miami. Non ha funzionato. Dal punto di vista mentale oggi è stata una buona partita, perché in realtà non ho pensato alla partita in Australia. Prima del quinto set non ho pensato: “Oh, mio Dio, di nuovo cinque set”. Ma ero lì per combattere, per fare del mio meglio. Ci ho pensato solo per prepararmi tatticamente”.

D. Come hai trovato le condizioni? Per quanto riguarda Carlos, quanto è difficile quando si ottiene una grande vittoria come quella di oggi, mettendo al tappeto il numero 1 del mondo, e poi si affonta un altro fenomeno?

Daniil Medvedev: “Non è mai facile quando si ha una partita così. Ogni volta che giochi contro Sinner, Alcaraz, Djokovic, Tsitsipas, è sempre un match elettrico. Anche in questo caso, si tratta di esperienza. L’ho fatto molte volte. Soprattutto ora che ci sono due giorni di riposo, ci prepareremo bene con la squadra. Non dovrebbe essere un problema. Le condizioni non erano facili oggi, perché quando il tetto è chiuso è molto umido. Ad un certo punto della partita, si ha la sensazione di perdere la concentrazione, perché l’umidità e il rumore della pioggia ti fanno sentire a disagio. Non senti più il suono dei tuoi colpi. È come se qualcosa ti cadesse in testa, quindi non è facile”.

D. Come si elabora una sconfitta per cambiare l’esito della partita successiva? Oggi ho pensato a quello che hai fatto contro Alcaraz l’anno scorso. Hai perso qui. Hai fatto un capolavoro agli US Open. Recentemente hai perso contro Jannik. Oggi hai invertito la rotta. Come si fa a cambiare il risultato tra due partite?

Daniil Medvedev: “Per me era importante uscire oggi e dimostrare che, probabilmente, giocheremo ancora molte volte se saremo entrambi nel tour, probabilmente in semifinale, nei quarti, in finale, o altro. Per me era importante dimostrare che ci sarò sempre, che lotterò sempre, che cercherò sempre di renderti la vita difficile. Forse tu vincerai di più; forse io vincerò di più. Non lo so, ma combatterò. L’obiettivo era dimostrargli che ogni volta sarò lì a combattere e a vincere. Oggi ci sono riuscito. Non significa che la prossima volta sarà lo stesso. Questo è un po’ l’atteggiamento. Lo stesso vale per Carlos l’anno scorso agli US Open. Sarà così anche per Carlos tra un paio di giorni. Ad essere onesti, questo è sempre il mio obiettivo, sapere che chiunque venga contro di me, può vincere o perdere. Sarà una lotta dura. Sarà un grande incontro, grande per i fan, grande per me, grande per il mio avversario”.