Wimbledon: De Minaur sfinisce Arthur Fils in quattro set e vola ai quarti di finale

0
6

[9] A. De Minaur b. A. FIls 6-2 6-4 4-6 6-3

Incontro a tratti scoppiettante tra Arthur Fils e Alex De Minaur, che ha intrattenuto per quasi tre ore il pubblico del Court 1. L’australiano porta a casa un successo non così scontato, in quattro set, con lo score di 6-2 6-4 4-6 6-2. Dopo i primi due set quasi a senso unico in favore dell’atleta di Sidney, nel terzo parziale Fils ha avuto un moto d’orgoglio, ribaltando il punteggio ed allungando di un set il match. Il francese ha mostrato ancora una volta un potenziale infinito, ma è risultato incostante lungo il match, commettendo troppi passi falsi nei momenti cruciali. D’altra parte, invece, un solidissimo De Minaur ha fatto venire parecchi mal di testa al francese, nonostante molteplici cambi tattici di quest’ultimo. De Minaur grazie a questa vittoria conquista i quarti di finale di Wimbledon per la prima volta in carriera (la seconda in uno Slam dopo lo US Open 2020), dove ad attenderlo ci sarà il vincitore della sfida scintillante tra Djokovic e Rune.

Primo set: De Minaur ingiocabile, Fils sottotono

Partenza a rilento per un “ingessato” Arthur Fils, che nei primi giochi dell’incontro fatica a trovare il campo, commettendo un’ingente quantità d’errori, e sottomettendosi tatticamente al giocatore australiano, il quale pare aver impostato il pilota automatico dal primo punto dell’incontro. I primi quattro giochi di Alex De Minaur rasentano la perfezione, incassa una sfilza di vincenti e aggredisce ogni pallina, da qualsiasi posizione. Il francese trova poche soluzioni, si limita al palleggio, ma non riesce ad esaltarsi con le sue solite accelerazioni, complice una grande profondità del nove al mondo. Il doppio break ottenuto dall’australiano lo conduce senza troppi affanni alla conquista del set, col punteggio di 6-2.

Secondo Set: Il francese sembra dare un tono diverso al match, ma è De Minaur a portarsi avanti due set a zero

Fils si scuote, provando a regalare una partita al pubblico del court n.1. Dopo aver tenuto il servizio nel primo game del set, decide di approcciare in modo aggressivo il turno in risposta, e l’australiano si ritrova spiazzato da questo repentino cambio di ritmo. Dopo un primo parziale anonimo, il giovane francese mostra un’importante reazione, adottando lo stile di gioco che meglio sa usare. Fils ottiene un break in suo favore, e il pubblico del court n.1 apprezza il fatto che il match si sia ravvivato. Il classe 2004 mette a segno tre giochi di fila, ma la costanza al servizio e nello scambio da fondo lo abbandonano dopo qualche minuto, costringendolo a risalire la china, ancora una volta, sotto 4-3 nel punteggio. Complicato affrontare un De Minaur in queste condizioni, non lascia nulla al caso. Quando Fils si avvicina nei pressi della rete, trova sempre il modo per rispedirlo indietro, e quando accelera da fondo, l’australiano gli restituisce la pallina al doppio della velocità. Occasione sprecata per Fils a metà set, essendo stato in vantaggio per tre giochi a zero, e ritrovatosi venti minuti dopo sotto 6-4.

Terzo Set: De Minaur subisce una rimonta pazzesca per mezzo di uno scatenato Fils

Il match prosegue, ma la trama rimane la stessa. La diagonale di rovescio continua a punire Arthur FIls, che manda perennemente il suo bimane in mezzo alla rete. L’australiano comanda il match su tutti i fronti, ed anche in questo parziale, ottiene subito un break. Il francese resta in scia a fatica, per provare ad avere un’occasione, ma De Minaur continua ad essere impeccabile, in particolar modo sul servizio, concedendo le briciole all’avversario. Un barlume di speranza si presenta all’ottavo gioco, grazie ad un improvviso cambio tattico del francese, che alza parecchio la traiettoria della palla senza prendere rischi eccessivi, e come d’incanto riconquista il break e la fiducia. “Il muro” australiano sembra cedere dinanzi all’entusiasmo straripante del francese, che non si limita più ad uno scambio interlocutorio, ma va costantemente oltre il limite trovando coraggio ed enorme coinvolgimento del pubblico, che non vede l’ora di assistere ad un altro set. Court 1 accontentato. Fils rimonta un set in bilico, conquistandolo per 6-4.

Quarto set: L’australiano detta il passo. Fils prova e rimettersi in partita ma è De Minaur a volare ai quarti

Ad inizio del quarto parziale, De Minaur sembra aver già dimenticato quanto successo nel set precedente, e come un fulmine a ciel sereno strappa il servizio all’avversario, ancora tra i sogni di gloria del set appena vinto. L’australiano commette tre disastri consecutivamente, andando sotto 0-40 sul proprio servizio, ma il francese non è abbastanza scaltro per approfittarne, e mentalmente patisce la ghiotta occasione sfumata, subendo infatti un break cruciale che porta De Minaur avanti 4-1. L’australiano continua a sprecare turni di servizio per chiudere il match, dando sempre più speranze all’avversario. Fils accorcia le distanze ma il gap è incolmabile. Con qualche problema fisico in fase finale, Alex De Minaur conquista i quarti a Wimbledon. Conoscerà il suo avversario al termine della sfida tra Rune e Djokovic.

Parole a caldo di De Minaur:

“Sono così felice di essere ai quarti qui a Wimbledon. Non riuscivo a servire alla fine, ho avuto tanti problemi, sono contento di esser riuscito a chiudere. Rune o Djokovic? Proverò a dare il meglio e a regalarmi un’altra impresa”