Wimbledon, Sonay Kartal: dai problemi di salute al Campo Centrale più prestigioso al mondo

0
6

La tennista inglese Sonay Kartal, classe 2001, non intende porsi limiti per questa edizione di Wimbledon. La 298 al mondo, seconda britannica nell’Era Opena a raggiungere il terzo turno di Wimbledon partendo dalle qualificazioni, ha sconfitto la francese Clara Burel in tre set al secondo turno. Ora ad attenderla c’è Coco Gauff, numero due del mondo.

Ma facciamo un passo indietro, chi è Sonay Kartal? La tennista britannica, nata a Londra, milita nel circuito ITF, con ben 11 titoli all’attivo, l’ultimo ottenuto nel maggio 2024. Prima di Wimbledon, non era mai riuscita a qualificarsi nel main draw di un major, fermandosi sempre al primo turno di qualificazione. Attualmente, come accennato poc’anzi occupa la 298esima posizione del ranking mondiale, anche se il 30 gennaio 2023 ha raggiunto il suo best ranking, prendendosi la 195ª posizione. Kartal aveva detto in precedenza che pensava di non poter scendere in campo per il resto dell’anno dopo un grave problema di salute, ma si è ripresa e ha superato tre turni di qualificazione che le hanno regalato due ulteriori successi con tenniste di grande livello. E adesso, l’apparentemente invalicabile monte Everest, Coco Gauff.

D. Sonay, passi al terzo turno, come ci si sente?

Sonay Kartal: “Sono ancora molto felice. Non ho avuto molto tempo per digerirlo. Sono molto orgogliosa della prestazione di oggi e di come sono riuscita a mantenere la calma per tutta la partita”

D. Dopo aver superato le qualificazioni, ora al terzo turno, contro Coco Gauff potenzialmente sul Centre Court, puoi esprimere a parole le tue sensazioni?

Sonay Kartal: “Questi sono i momenti che sogni da bambino. Se sarà sul Centre Court sarò super eccitata e orgogliosa di essere su quel campo. È una cosa davvero speciale. Ovviamente sarà una partita difficile. Credo che, se riuscirò a mantenere la mia forma, avrò buone possibilità”.

D. Alla fine della partita hai detto che l’inizio dell’anno è stato piuttosto duro per te. Parlami un po’ delle persone che ti sostengono.

Sonay Kartal: “Ho avuto la stessa squadra per tutta la vita, da quando ho iniziato a sei anni. Mi alleno ancora a Brighton, da dove vengo, nello stesso club. Tutti noi abbiamo intrapreso questo viaggio. I miei allenatori mi conoscono probabilmente meglio della mia famiglia, passo molto tempo con loro. Ovviamente avere anche loro lì a vivere questo momento con me lo rende ancora più speciale. Il fatto dell’anno che ho passato è qualcosa di cui sono molto orgogliosa”.

D. Cosa ti aspetti da Coco come avversaria?

Sonay Kartal: “Sarà un incontro molto duro. C’è un motivo per cui è la numero 2 del mondo. Alla fine della giornata metterò da parte tutto questo. Penso che andrò lì, non ho nulla da perdere, e mi godrò il momento e darò il massimo per vedere cosa posso fare”.

D. Quanto è importante per te, visto che prima hai parlato della tua malattia e dei tuoi timori di non farcela?

Sonay Kartal: “Penso che la mia vittoria al primo turno di lunedì è stato un momento importante per me. Non sono andato a letto fino a tarda mattinata. Quindi sono riuscita a venire qui oggi, a fare la stessa cosa, e poterlo fare con le persone che mi hanno sostenuto fin dall’inizio quando ero malata, sì, è qualcosa di cui sono personalmente molto orgogliosa. È stato un periodo spaventoso”.

D. Con un’avversaria come Coco Gauff, ci sono informazioni sulla tua preparazione, sull’analisi che fai?

Sonay Kartal: “Penso che questo sarà il lavoro di domani con l’allenatore. Analizzeremo, valuteremo i modi in cui il mio stile di gioco può interrompere un po’ il suo stile di gioco. Non sono una persona tipica, direi. Mi piace giocare con un po’ più di variazioni e cose del genere. Si tratterà solo di trovare modi che funzionino per me, per cercare di disturbarla. Sì, vedremo cosa riuscirò a fare”.