Wimbledon, solida Kalinskaya. Bene Badosa e Krejcikova, Bouzas Maneiro si conferma

0
6

A. Kalinskaya b. M. Bouzkova 6-4 6-1

Anna Kalinskaya procede a vele spiegate. Secondo turno superato agevolmente con un 6-4 6-1 inflitto a Bouzkova. La russa, molto solida al servizio, ha dovuto recuperare dal break subito nel primo set. Sotto 2-3 ha avuto una splendida reazione. Vinto il set 6-4, ha dominato il secondo finito 6-1. Sfiderà la vincente di Samsonova – Avanesyan.

Xin. Wang b. J. Pegula 6-4 6-7(7) 6-1

Questo 2024 sta diventando un incubo per l’americana Jessica Pegula. Ne approfitta Wang che vince in tre set 6-4 6-7(7) 6-1. Eppure la cinese si era complicata la vita: avanti di un set e al servizio sul 6-5 per chiudere il match, si è fatta trascinare al tie-break. Pegula ha annullato un match point e prolungato tutto al terzo, ma poi si è arresa in malo modo.

P. Badosa b. B. Fruhvirtova 6-4 6-2

Con cauto ottimismo i fan di Paula Badosa esultano. Fin qui perfetto il cammino della spagnola che raggiunge il terzo turno battendo 6-4 6-2 Brenda Fruhvirtova. Non la miglior superficie su cui esprimersi per la ceca, ma la solidità della n. 93 del mondo è sotto gli occhi di tutti.

La gara si è chiusa in un’ora e 21minuti, in cui i break sono stati all’ordine del giorno. Break e controbreak in avvio di gara, poi nel sesto gioco è Badosa a provare la fuga. Il controbreak della n. 88 del ranking rimette tutto in equilibrio, ma l’ennesimo break di gara è targato Badosa e vale il 6-4 del primo set. Secondo parziale in cui la ceca soffre a cancellare gli errori del primo parziale e la spagnola che sale al 67% di prime palle messe in campo. E’ quanto basta per avanzare in tabellone. Troverà Daria Kasatkina.

[18] M. Kostyuk b. D. Saville 4-6 7-6 6-4

Come Marta Kostyuk sia scampata alla furia di Daria Saville è un mistero. Si interrogherà parecchio soprattutto l’australiana che è salita 5-2 con doppio break nel secondo parziale, ha servito tre volte in totale per il match, fallendo un match point. Nonostante tutto questo ad avanzare è l’ucraina che ringrazia e tira un sospiro di sollievo.

Le uniche palle break, nel primo set, le concede Kostyuk: ne salva due nel terzo gioco e poi non può nulla su quella che Saville si costruisce e sfrutta nel quinto game. Di fatto, si decide così il primo set chiuso 6-4. Australiana che continua a macinare gioco e si contraddistingue in un folle secondo set caratterizzato da dieci break in dodici game. Saville sale 5-2 e va a servire per il match. Kostyuk infila un parziale di 12-3 e riaggancia la sua avversaria, 5-5. L’ucraina ha la palla del 6-5, ma Saville ribalta la situazione e si torna con l’australiana a servire per il match. Ha un match point, ma non lo sfrutta, nel frattempo l’ucraina all’ottava palla break ottiene il tie-break. Kostyuk domina e rimette tutto in parità.

Nel terzo set, l’australiana fatica a entrare in partita con la sua avversaria che scappa via sul 4-1. Saville decide di battere un colpo e strappa il servizio alla sua avversaria dando segnali di reattività. Accorcia le distanze, ma nessuna rimonta all’orizzonte, malgrado un brivido nel decimo game quando Kostyuk si vede annullare tre match point consecutivi. Non ci saranno colpi di scena ulteriori: passa Kostyuk.

J. Bouzas Maneiro b. C. Bucsa 7-6(1) 6-3

La ventunenne Jessica Bouzas Maneiro continua il suo strepitoso cammino sull’erba di Wimbledon. Dopo aver eliminato la campionessa in carica Marketa Vondrousova, vince in due set il derby spagnolo con Cristina Bucsa.

Finisce 7-6(1) 6-3 in un’ora e 52′. Se i break in un equilibrato primo parziale che si decide al tie-break. Bucsa fa solo un punto e manda avanti nel computo dei set la sua connazionale. Serve alla grande Bucsa: piazza il 73% di prime palle in campo ma ottiene solo il 50% dei punti. La n. 60 del ranking va avanti 2-1 ma non basta: parziale di quattro game a zero della più giovane in campo e gran possibilità per Bouzas Maneiro di avere un match point già nell’ottavo gioco. Bucsa prolunga l’agonia ma nulla può con la sua avversaria al servizio. Affronterà Barbora Krejcikova.

B. Krejcikova b. K. Volynets 7-6(8) 7-6(5)

Due ore di battaglia tennistica molto intensa, due ore per regalare il terzo turno a Barbora Krejcikova che batte Katie Volynets 7-6(6) 7-6(5).

La ceca, molto fallosa al servizio, fa valere la sua esperienza che le consente più volte di rientrare nel primo set in cui si è trovata ben tre volte sotto di un break. Al tie-break l’ha fatta da padrona e ha chiuso al terzo set point. Pochi punti con la seconda palla per Krejcikova che rivive lo stesso scenario nel secondo set: va tre volte sotto di un break e per tre volte rifila il controbreak a Volynets. Stavolta qualche rammarico la statunitense lo ha: non sfrutta un set point nel nono gioco e soprattutto, manda alle ortiche l’opportunità di chiudere il set quando ha servito per il secondo parziale nel corso del decimo game.

Per la ceca l’avvincente sfida con la spagnola Bouzas Maneiro.

B. Haddad Maia b. C. Osorio 3-0 rit.

E’ durata solo tre game la sfida tra Beatriza Haddad Maia e Camila Osorio. La brasiliana ottiene due break poi è salutata dalla colombiana a rete. Problemi fisici che hanno impedito a Osorio di essere competitiva. Affronterà la vincente della sfida tra Collins e Galfi.